Comuni

Policlinico di Napoli, inciviltà nel reparto ginecologia: scritte sui muri per festeggiare i nascituri

loading...

Napoli, 12 Novembre – “Ci è stata segnalata una situazione che definire stucchevole è poco. Nel reparto ginecologica del Policlinico di Napoli, per festeggiare le nuove nascita, i parenti hanno assunto la malsana abitudine di scrivere un messaggio sui muri della struttura. Un comportamento che ci fa cadere le braccia in quanto perpetrato, nella maggior parte dei casi, da persone adulte. Ci chiediamo cosa ci sia di simpatico nell’insozzare le mura di un reparto ospedaliero, un modo di fare che serve solo a creare degrado”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli. “Purtroppo – prosegue Borrelli – neanche un evento unico nella vita come la nascita di un bambino fa desistere gli incivili dall’assumere comportamenti teppistici e incivili. Non possiamo permettere che tale comportamento persista, in quanto determina anche un danno di carattere economico dovuto ai costi di tinteggiatura delle mura. Per questa ragione abbiamo inviato una nota all’Azienda ospedaliera universitaria “Federico II” chiedendo di aumentare i controlli nei reparti e denunciare per danneggiamento chi deturpa i muri”.

 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.