Sports

Parma 0-2 Napoli, gli azzurri vincono al debutto in Serie A tra novità e solide certezze

loading...

Parma, 20 Settembre – Alla prima uscita stagionale il Napoli incassa una vittoria preziosa e meritata. Per sbloccare una gara tirata c’è voluto un passo verso il futuro, per vincerla i due superstiti delle passate gestioni riconfermatisi solide colonne a sostegno dell’impianto tecnico della squadra, Mertens ed Insigne.

Solidità ed inconsistenza

I primi spunti della partita Gattuso li fornisce nello schieramento del primo undici stagionale. Sulla linea difensiva le considerazioni vanno concentrate sostanzialmente sulla fascia sinistra, nella quale il mister azzurro piazza Hysaj, per via delle fatiche patite da Mario Rui, il proprietario naturale del ruolo. Al netto di una prestazione comunque positiva e generosa dell’albanese, il fatto che Gattuso si trovi costretto ad adattare un calciatore in quella zona di campo, alla luce di esigenze contingentali, fa capire come ormai Ghoulam si sia tristemente mutato in un fantasma la cui situazione va presto risolta, ma soprattutto quanto fosse e sia tuttora di fondamentale importanza intervenire sul mercato per coprire la grossa falla già da tempo presente nel ruolo. Da segnalare, inoltre, la scelta del tecnico calabrese di affidarsi alla struttura tattica classica, con Lozano a completare il tridente a destra, accompagnato da Mertens ed Insigne.

Il primo tempo balla sui ritmi di un valzer lento, in fase difensiva il Napoli attua un pressing dall’ottima efficienza: gli avversari, spesso alle corde, sono costretti a lanciare lungo sugli attaccanti, in quella zona di campo nella quale giganteggiano ed annullano ogni forma di vita dotata di respiro Manolas e Koulibaly; in fase offensiva però gli azzurri sono obbligati ad un lento possesso palla per cercare spazio nell’ermetica organizzazione tattica imperniata da Liverani, sulla scorta del lavoro di D’Aversa, su due linee da quattro a protezione della porta di Sepe. Arrivati in prossimità della trequarti opposta, i partenopei sono costretti a girare a vuoto sugli esterni senza mai trovare lo sbocco centrale, per via della difficoltà ad occupare in maniera consistente l’area, oltre ai persistenti errori di misura sia in luogo di appoggi sia di conclusioni. Risultato finale 0-0 e zero tiri in porta da entrambi i lati.

La svolta

Il turning point arriva al sessantunesimo minuto, quando a Osimhen viene concesso, per la prima volta nella sua carriera, di respirare l’aria della Serie A. Entra al posto di Demme, concedendo a Gattuso il cambio di assetto, dal quale partorisce subito i frutti sperati: nel giro di pochissimi minuti la produzione offensiva degli azzurri si infittisce in maniera spaventosa. Al sessantatreesimo Lozano dalla destra fa partire il primo traversone della partita, indirizzandolo proprio verso il nuovo entrato; la chioma bionda del nigeriano viene anticipata da Iacoponi, il quale devia su Mertens, accorso a rimorchio, che timbra la prima rete del nuovo campionato del Napoli, come fu per l’anno passato. La presenza di un riferimento offensivo capace di canalizzare le attenzioni della retroguardia avversaria permette a Lozano di aggredire gli spazi lasciati liberi, affrancato dal compito di rifinitore, proprio del ruolo affidatogli nel primo tempo, compito riservato esclusivamente alla coppia Mertens, Insigne.

Al settantasettesimo, Lozano raccoglie il pallone sulla trequarti opposta a seguito di un sanguinoso errore di Iacoponi; giunto in area calcia forte sul guantone di Sepe e la respinta viene corretta in gol dal capitano Insigne, sigillando il bottino.  La partita del Tardini ha mostrato come sia importante per la squadra di Gattuso disporre di uomini capaci di fornire una variante tattica da applicare, come un jolly vincente, alle gare bloccate come quella in esame. Una variante, rappresentata dal 4-2-3-1, che è giusto rimanga tale, per lo squilibrio difensivo che rischia di provocare, soprattutto nella forma in cui l’abbiamo ammirata oggi, con Fabiàn e Zielinski “ritratti nella zona mediana”.

 

Matteo Ariola

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.