Comuni

Palma Campania piange Claudio Testera: il dolore dell’intera comunità

loading...

Palma Campania, 16 Settembre – Il 12 settembre ci ha lasciati l’ingegnere Claudio Testera; di origini padane trasferitosi a Palma Campania, negli anni 80, per desiderio della sua adorata consorte, Teresa, palmese, uniti per più di 40 anni. Cittadino del mondo, come soleva definirsi, non si è mai sentito estraneo fuori dalla sua terra natia. Un’infanzia sofferta, ma genuina, la sua. Ha conosciuto il lavoro fin da piccolo, sormontando ostacoli e vicissitudini, lui stesso ce ne parla nel suo libro “E’ meraviglioso rivedere la luce”, della Michelangelo 1915 editore.

Un testo pubblicato per farne dono a tutti coloro che a vario titolo e, in momenti diversi della sua vita, gli hanno consentito, soprattutto nell’ultimo periodo d’esistenza, dopo un episodio serio di malattia, di attraversare indenne un tunnel che definisce “senza luce, al di là del quale c’è ancora vita, caratterizzata da una luce nuova che illumina il futuro che mi attende”.

La sua essenza, un inno alla vita, che ha vissuto fino all’ultimo respiro elargendo come ha sempre fatto positività, consigli, professionalità. I suoi allievi di scuola, i suoi amici, i suoi colleghi e quanti l’hanno conosciuto, l’hanno apprezzato per l’uomo onesto e semplice che è stato, con principi e alti valori sociali ed umani in cui credeva ed inneggiava. Piangono tutti una persona indubbiamente dal profilo umano e professionale di alto spessore. Schivo ad ogni forma di protagonismo, capace di nascondersi alle lodi che pur meritatamente arrivavano. Amava i fatti, e il “bene comune”, parole molto concrete in quello che è stato il suo impegno civico costante sul territorio. Anche da pensionato, non ha mai smesso di lavorare e con umiltà, sempre disponibile con le sue conoscenze per aiutare e formare le giovani generazioni. Il contatto nel mondo della scuola palmese è stato fondamentale: il rispetto e la sostenibilità ambientale il suo obiettivo.

“Amare significa dare” questo il suo motto. Non era coinvolto nel meccanismo politico della rappresentanza; credeva e si impegnava per un’azione civica volontaria e diretta. In prima linea, senza mai fermarsi di fronte a difficoltà e dinieghi, dalla lotta alla chiusura definitiva della discarica Pirucchi, fino all’approvazione del progetto di messa in sicurezza e successiva bonifica della stessa. 

Palma deve alla sua tenacia se oggi è munita di un’isola ecologica funzionante e di una raccolta differenziata all’avanguardia, raggiungendo una percentuale che si attesta, col nuovo calendario di raccolta, sull’83%. Ha contribuito fattivamente ad avviare innovazioni tecnologiche per gli uffici comunali, rimanendo sempre un punto di riferimento, per impiegati ed amministratori, nel redigere progetti e regolamenti.

Il suo volontariato e l’altruismo per il paese, la smisurata disponibilità, intelligenza, le conoscenze comunicative per un’azione senza alcun tornaconto o interesse personale lo hanno visto operare oltre i confini palmesi: a Nola, a Carbonara, a San Gennaro V.no, a Striano, a San Giuseppe V. no.  Era buono, generoso e sognatore. Ha lasciato il suo esempio di vita ricco dei valori che abbracciava: l’onestà, la lealtà, l’umiltà, la benevolenza, l’altruismo.  E il sogno di un paese migliore.

 Di lui l’avvocato Filippo Carrella -che con lui ha collaborato in maniera produttiva nel periodo in cui è stato assessore comunale all’ambiente- dice in un post su fb.“Quante belle esperienze ho vissuto insieme a te, quanti insegnamenti, quante lezioni di vita. Sei stato il mio faro nei momenti bui, la mia luce in tanti traguardi. Quante ne abbiamo passate insieme: passeggiate, escursioni, convegni, riunioni, manifestazioni, cortei, anche ai concerti siamo andati. Sei stato un vulcano di idee e di progetti, alcuni rivoluzionari. Sei stato di una disponibilità indescrivibile, mai stanco, mai domo, sempre con il tuo spirito giovanile. Pur essendo un ‘polentone’ amavi Palma più di tanti palmesi e ti arrabbiavi quando sentivi parlare male un palmese del suo paese. Hai fatto tanto per tutti, senza distinzioni. Palma Campania ti deve molto. Sei stato per me un esempio da seguire e che continuerò a rincorrere”.

L’insegnante Tiziana Nunziata racconta di averlo conosciuto quando frequentava il liceo: a lui deve, tra le altre cose, la conoscenza dell’informatica. ”Di Claudio ho apprezzato sempre la grande passione profusa in ogni impegno preso: dall’insegnare a tanti ragazzi i rudimenti dell’uso del computer, alle lezioni di ecologia impartiti ai bambini a scuola. Sempre animato da grande entusiasmo e con gli occhi pieni di una luce che era insieme intelligenza e bontà. Sapeva trovare del buono in tutti, e manifestando le sue idee di uomo libero”.

L’ingegnere Claudio Testera resterà nei cuori di quanti lo hanno conosciuto e amato.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.