Politica

Offese e commenti negativi al post de “Il Mattino” sulla decisione di Genny ‘A Carogna di diventare collaboratore di giustizia

loading...

Verdi: “Vergogna social, frasi che rappresentano mentalità criminale e omertosa che serpeggia in una parte del web”

 

Napoli, 6 Marzo – “Abbiamo letto con disgusto i commenti apparsi in calce al post de “Il Mattino” sulla decisione di Genny ‘A Carogna di diventare collaboratore di giustizia. La pagina Facebook del quotidiano è stata presa d’assalto da alcuni utenti che hanno espresso offese e commenti negativi contro De Tommaso, stigmatizzando la sua decisione. Siamo di fronte ad una vergogna social, quelle frasi rappresentano la mentalità criminale e omertosa che serpeggia in una parte del web”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Da tempo – prosegue Borrelli – denunciamo la presenza di pagine social che inneggiano a omertà e criminalità organizzata. Le offese in calce al post de “Il Mattino” rappresentano la stessa faccia della medaglia. Facebook è usato dai camorristi per fare proseliti e per imporre la mentalità delinquenziale e omertosa nei giovani, che sono i principali fruitori dei social. Il colosso californiano e la polizia postale devono lavorare fianco a fianco per limitare il fenomeno, censurando eventuali condotte illegali”, conclude Borrelli.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.