Comuni

Non si può uscire per il coronavirus: a Napoli centro si canta dai balconi

loading...

Napoli, 13 Marzo – La preoccupazione per la drammatica situazione legata all’emergenza sanitaria del Coronavirus sembra non aver intaccato il buon umore dei napoletani e la loro ingegnosità.

I decreti ministeriali per contrastare l’emergenza sanitaria vietano gli assembramenti di persone, non si può uscire per strada, così alcuni cittadini di Napoli hanno inventato un modo per distrarsi, diffondere buon umore e speranza, interagire sena violare le normative: ognuno dal proprio balcone canta e balla.

In un video inviato al Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli si vedono delle persone, residenti a Napoli centro, cantare e ballare, ognuno dal proprio balcone, seguendo le note di “Bella Ciao” o anche “L’inno di Mameli” mentre altri assistono ed applaudono.

“Napoli canta nonostante tutto, nonostante le situazioni difficili, è sempre stata questa la sua forza. I napoletani perbene hanno sempre dimostrato grande spirito di iniziativa ed una certa sensibilità verso gli altri, queste iniziative diffondo buonumore e speranza. I balconi oggi sono il trampolino di lancio per i messaggi di conforto e di speranza.” –hanno dichiarato il Consigliere Borrelli e lo speaker radiofonico Gianni Simioli.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.