Comuni

Natante affonda nel golfo di Napoli, forte rischio inquinamento a causa del propellente presente nei serbatoi

Borrelli e Simioli: “Provvedere al più presto alla rimozione in danno del proprietario. Non possiamo rischiare che la barca si trasformi in una bomba ecologica”

 

Napoli, 5 Dicembre  – “Da alcuni giorni, nello specchio d’acqua del porticciolo di Mergellina, è presente un natante in via di affondamento. Col passare delle ore la barca sta continuando ad inabissarsi e siamo particolarmente preoccupati a causa della presenza di propellente nei serbatoi che potrebbe disperdersi in mare in seguito al definitivo affondamento. Per tale ragione abbiamo inviato una nota alla Capitaneria di Porto per fare in modo che il relitto venga rimosso quanto prima, in danno del proprietario”.

Lo rendono noto il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, che si è recato personalmente sul posto, e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “Non possiamo rischiare che la barca si trasformi in una bomba ecologica. Occorre intervenire quanto prima per fare in modo che non ci siano rischi per un ecosistema che è stato già penalizzato dai continui sversamenti di sostanze tossiche provenienti dalla terraferma e giunti in mare attraverso i canali di scarico che sfociano nel porticciolo di Mergellina”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa