Politica

Napoli, Via Galileo Ferraris trasformata in una discarica a cielo aperto. Verdi: “Situazione indegna, abbiamo chiesto l’intervento dell’Asia. Degrado in molte aree periferiche e nell’ex zona industriale”

Napoli, 18 Febbraio – “Spazzatura di ogni tipo abbandonata in uno spiazzo di via Galileo Ferraris, nell’area della ex manifattura tabacchi. La situazione è prossima al collasso. Ci sono rifiuti e materiali di risulta di tutti i tipi. Non sappiamo se sono presenti anche rifiuti pericolosi. Abbiamo chiesto all’Asia di intervenire per bonificare la zona. Allo stesso tempo sollecitiamo comportamenti civili da parte di residenti e passanti”.

Lo denunciano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il consigliere comunale del Sole che Ride Marco Gaudini. “Il caso di via Ferraris non è isolato. Sono molte le zone della periferia Est e dell’ex zona Industriale che vengono trasformate in discariche a cielo aperto dagli incivili. In molti casi vengono sversati rifiuti speciali, come ad esempio pneumatici, che andrebbero sottoposti a particolari procedimenti di smaltimento.

 

Occorre uno stretto controllo del territorio da parte della polizia municipale e delle forze dell’ordine per evitare casi del genere. Allo stesso tempo è necessario che la giustizia punisca con la massima severità chi sversa abusivamente rifiuti”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa