Comuni

Napoli, vandalizzato il campetto da calcio della Villa Comunale di Scampia: era stato inaugurato solo due anni fa

Borrelli (Verdi): “Un’oasi di svago semidistrutta da incuria e vandalismi. Era costata 240mila euro. Abbiamo segnalato la situazione all’assessorato allo Sport del Comune di Napoli”

 

Napoli, 25 Settembre – “Un cittadino ci ha segnalato le condizioni pietose in cui versa il campo da calcetto realizzato all’interno della villa Comunale di Scampia. Una struttura che è stata inaugurata solo due anni fa e che, a distanza di poco più di 24 mesi, vede gli elementi pertinenziali completamente vandalizzati o segnati dall’incuria. Ci fa specie pensare che un bene costato la bellezza di 240mila euro sia ridotto in queste condizioni. Il campetto dovrebbe rappresentare un’oasi di svago per tutti i giovani di Scampia, invece sembra quasi di aggirarsi nei pressi di un campo di battaglia”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Abbiamo inviato una nota all’assessorato allo Sport del Comune di Napoli per segnalare le condizioni di degrado che caratterizzano l’impianto. Occorre recuperarlo quanto prima in modo da poterlo rendere un protagonista efficiente nella vita del quartiere magari con la collaborazione delle scuole del circondario”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa