Politica

Napoli, scioperi selvaggi trasporti. Borrelli (Europa Verde): “Condividiamo l’attenzione della magistratura contro una pratica che è diventata indegna, strumentale e inaccettabile”

loading...

Napoli, 13 Ottobre – “Bene ha fatto la VI sezione della Procura di Napoli ad accendere un faro sulla nebulosa vicenda degli scioperi selvaggi nel settore dei trasporti a Napoli. Una pratica che è diventata indegna, strumentale e inaccettabile. In piena emergenza coronavirus non è minimamente tollerabile che gli scontro tra personale dipendente, azienda, sindacati e amministrazione comunale penalizzino oltremodo l’utenza. Tratte ridotte della linea 1 della Metro, chiusure continue delle funicolari, carenza di bus nella rete stradale, stanno infliggendo un durissimo colpo alla qualità della vita dei napoletani.

La prima conseguenza è quella i assembramenti insostenibili alle fermate, in palese contraddizione con quanto previste dalle norme anti covid. In secondo luogo il traffico veicolare è spesso fuori controllo creando ingorghi raccapriccianti in diverse aree della città. Non è questa la città che vogliamo e i responsabili di quanto sta accadendo nel settore dei trasporti pubblici è bene che siano chiamati a dare spiegazioni una volta per tutte”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.