Comuni

Napoli, riprende i carabinieri che lo sanzionano dichiarando mendacemente di essere diretto al Santobono per un malore del figlioletto: denunciato

Borrelli (Verdi): “Atteggiamento cialtronesco e delinquenziale, che vergogna usare il figlio per una pantomima del genere. Comportamento impeccabile da parte dei militari, pieno sostegno alla loro attività di controllo del territorio”

 

Napoli, 3 Ottobre – “Qualche settimana fa un pregiudicato ha spopolato sui social con un video in cui accusava i carabinieri di averlo fermato lungo via Girolamo Santacroce mentre era diretto al Santobono per un malore del figlioletto di cinque anni che viaggiava con lui e la moglie a bordo di uno scooter. I tre erano senza casco e sono stati sanzionati dai militari come previsto dalla normativa vigente. Le dichiarazioni del soggetto si sono rivelate mendaci e l’individuo è stato denunciato per violazione della privacy, ingiurie e diffamazione. La giusta conclusione per una vicenda stucchevole e vergognosa in cui un bambini è stato utilizzato per mettere su una vergognosa pantomima”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Esprimiamo pieno sostegno ai carabinieri e ci complimentiamo per il loro atteggiamento impeccabile dinanzi al teatrino messo in scena dal delinquente. La loro attività di controllo del territorio è necessaria per migliorare le condizioni di sicurezza delle nostre strade”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa