Comuni

Lo stadio di Arzano è diventato una discarica a cielo aperto

loading...

Borrelli (Verdi): “Situazione incresciosa che va avanti da mesi. L’inciviltà di qualcuno sta rendendo invivibile il principale impianto sportivo della città”

 

 

Napoli, 1 Ottobre – “Un cittadino, particolarmente sconfortato, ci ha inviato alcune foto che mostrano le condizioni pietose in cui si presentano le vicinanze dello stadio ‘Sabatino De Rosa’ di Arzano. In pratica il principale impianto sportivo della città è stato trasformato dagli incivili in una vera e propria discarica a cielo aperto. Lo sconforto della cittadinanza non è legata solo al problema in sé ma anche ai rischi collegati. Molti temono che qualcuno possa decidere di appiccare il fuoco ai cumuli di rifiuti, generando un vero e proprio disastro, anche sul piano della salute pubblica”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Purtroppo il caso dello stadio di Arzano non è risalente ad oggi ma va avanti da diversi mesi. Nonostante gli articoli sui quotidiani locali e le proteste dei cittadini la struttura commissariale che amministra la città non è ancora intervenuta per bonificare l’area. Speriamo che a breve questo possa avvenire e che il ‘De Rosa’ di Arzano torni agli onori delle cronache per le manifestazioni sportive e non per i rifiuti”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.