Comuni

Napoli, la Campania festeggia i 50 anni della Storia della Scuola dell’Infanzia

loading...

Napoli, 23 Marzo – La Campania festeggia i 50 anni della Storia della Scuola dell’Infanzia. Una manifestazione ed un evento voluti dal Direttore Generale USR Campania Luisa Franzese a cui hanno partecipato oltre 850 tra docenti della scuola dell’infanzia e dirigenti scolastici della Campania.

L’evento, svoltosi a Napoli, Città della Scienza – sala Newton, è stato coordinato dalla dott.ssa Nica Addeo Dirigente dell’Ufficio IV dell’USR Campania. Tra i relatori Giancarlo Cerini , Susanna Mantovani, Rosa Seccia, G. Rispoli. Le relazioni sono state avviate dalle immagini di bambine e bambini impegnati nella scuola dell’infanzia tra gli anni settanta ed i giorni nostri. Subito dopo le presentazioni di cinque tra le tante esperienze didattiche di qualità individuate (presentazioni a cura degli insegnanti Sonia Carella, Nuzzi, Massimiliano Migliaccio , Ornella Sarnacchiaro, Angela Silvestri ).

Una giornata molto bella che speriamo serva per riportare al centro del dibattito e delle iniziative formative e di documentazione quello che è forse il segmento più importante della scuola italiana: il luogo di vita e di apprendimento delle bambine e dei bambini dai tre ai sei anni, la SCUOLA dell’INFANZIA.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.