Comuni

Napoli, Il cantiere di piazza Mercato diventa una discarica a cielo aperto

Verdi: “Incivili sversano rifiuti all’interno dell’area, abbiamo segnalato questo sconcio alla polizia municipale”

 

Napoli, 10 Maggio – “Ci è stato segnalato che degli incivili stanno trasformando il cantiere per il rifacimento di piazza Mercato in una discarica a cielo aperto. All’interno dell’area del cantiere sono presenti una serie di rifiuti che non hanno nulla a che fare con i lavori. Addirittura qualcuno ha abbandonato dei sanitari. Si tratta di un episodio che lascia letteralmente basiti e dimostra che alcuni soggetti non hanno alcun rispetto della città”.

La denuncia arriva dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e dal consigliere comunale del Sole che Ride Marco Gaudini. “Abbiamo segnalato questo assurdo fenomeno alla polizia municipale chiedendo di intensificare i controlli all’interno della piazza, in special modo nelle ore notturne.

Purtroppo appare incredibile che gli agenti debbano presidiare un cantiere per evitare che venga trasformato in una discarica ma il rispetto dei residenti e della piazza, uno dei luoghi storici della città, impone di dover arginare questa deprecabile e incivile abitudine”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa