Comuni

Napoli, ambulanze trasportano persone decedute in cambio di denaro

loading...

 Borrelli: “Mercimonio indegno. Abbiamo sollecitato le direzioni degli ospedali, occorre fare luce sulle connivenze”

 

Napoli, 27 Febbraio – “E’ un mercimonio indegno che va eliminato. Alla base c’è un sistema di connivenze all’interno degli ospedali su cui occorre far luce. Abbiamo sollecitato le direzioni dei nosocomi della Campania ad aprire delle inchieste interne per appurare eventuali responsabilità.”.

Così il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli sul servizio di Luca Abete su Striscia La Notizia sulle persone decedute che escono dagli ospedali come vive per essere trasportate presso le abitazioni. “Questo sistema delinquenziale permette ai disonesti di fare affari d’oro. Nel servizio si parla di 300 euro per ottenere la dimissione in vita di una persona già deceduta. Da quello che ci risulta il prezzario sarebbe anche più alto con picchi di 1000 euro. Basta un calcolo rapido per avere la contezza delle centinaia di migliaia di euro generate ogni anno da questo traffico disgustoso. Un fiume di denaro illecito che riempie le tasche di quei pochi disonesti che mortificano l’impagabile lavoro della stragrande maggioranza dei volontari in servizio sulle ambulanze e del personale che opera negli ospedali”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.