Comuni

Napoli, 14enne appartenente ai Mazzarella trovato con un coltello

Borrelli.” I figli dei boss devono essere tolti ai genitori. Nel 90% dei casi diventano criminali come i loro familiari”

 

Napoli, 10 Gennaio – Un ragazzo quattordicenne, nipote di un esponente del clan camorristico Mazzarella, è stato trovato in possesso di un’arma da taglio nascosta negli slip.
Il minore si trovava con altri tre ragazzi a Piazza Mercato quando i Carabinieri della stazione di Borgoloreto, perquisendo i giovani, hanno trovato un coltello in possesso del ragazzo di 14 anni. Inoltre, nella stessa piazza, sono stati trovati due alberi, forse rubati.
Il giovane è stato identificato, denunciato ed affidato ad un parente.

Il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, sulla vicenda, dichiara quanto segue: “Questa notizia conferma l’importanza della nostra battaglia con la quale chiediamo che i figli dei boss e delle famiglie di camorristi debbano essere tolti ai genitori fin da piccolissimi perché altrimenti cresceranno in un ambiente malsano e deviato che li condurrà inevitabilmente sulla strada della delinquenza.  Serve una norma ad hoc del parlamento e un’azione preventiva del tribunale dei minori, i dati ci dicono che circa il 90% dei figli dei boss diventano a loro volta camorristi e questo è inaccettabile. I camorristi non hanno diritto alla genitorialità”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa