Comuni

Liceo Segré di Marano, riscaldamenti spenti da tempo: studenti occupano la scuola per protesta

loading...

Borrelli e Simioli: “Abbiamo contattato la dirigente scolastica, ci ha rassicurato che l’impianto sarà riattivato a breve”

Napoli, 20 Febbraio  – “Da giorni gli studenti del liceo Emilio Segrè di Marano lamentano il clima gelido delle aule a causa dell’avaria dell’impianto di riscaldamento. Le loro proteste sono sfociate stamattina in una occupazione. Abbiamo contattato la dirigente scolastica che ci ha garantito che il problema sarà risolto a breve”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Istruzione Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “La dirigente ci ha spiegato che mercoledì scorso un tecnico della Città Metropolitana ha effettuato un sopralluogo. I motivi dell’avaria risiedono nel malfunzionamento di una parte della caldaia che deve essere sostituita. Purtroppo il pezzo di ricambio non era presente nei depositi ed è stato necessario ordinarlo. Secondo quanto ci ha riferito la dirigente il pezzo è già in viaggio e sarà sostituito nelle prossime ore. Vigileremo affinché l’operazione avvenga celermente in modo da permettere ai ragazzi di frequentare le lezioni in ambienti riscaldati”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.