Comunicati

Interrogazione senatrice Paola Nugnes su situazione carcere di Santa Maria Capua Vetere

loading...
Napoli, 20 Aprile – La senatrice Paola Nugnes – che da alcuni mesi ha deciso di rappresentarci in Senato – ha depositato un’interrogazione sulla situazione del Carcere di Santa Maria di Capua Vetere oggetto di un’operazione repressiva indegna a seguito della protesta per la propagazione del virus letale del Covid-19.
E questo carcere, purtroppo, non è una eccezione come dimostrano anche le odierne manifestazioni a Rebibbia e a Bologna.
Noi stiamo dalla parte dei detenuti e dei lavoratori penitenziari che rischiano infezioni in particolare in regioni – come Campania, Lombardia e Lazio – dove le strutture sono pesantemente sovraffollate. Ministro, lo diciamo con minor garbo istituzionale, se non sa risolvere i problemi di persone ristrette, se ne vada! È questione di rispetto non solo del diritto umano a una pena giusta e rieducativa, è questione di un diritto umano fondamentale, quello alla vita in presenza di una pandemia.
Maurizio Acerbo, segretario nazionale
Giovanni Russo Spena, responsabile democrazia/diritti
Gianluca Schiavon, responsabile giustizia
Partito della Rifondazione Comunista 

 

Interrogazione a risposta orale con carattere d’urgenza

ai sensi dell’art.151 del Regolamento

NUGNES – Al Ministro della Giustizia

Premesso che:

la Procura di Santa Maria Capua Vetere, nel Casertano, sta indagando su quanto è avvenuto nei

giorni scorsi nella casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere “F. Uccella”;

da quanto si è appreso da numerosi quotidiani, sembra che la vicenda oggetto di indagine abbia avuto inizio dopo che un detenuto è stato ricoverato presso la struttura ospedaliera napoletana

del Cotugno, in seguito a esito positivo del tampone per covid-19;

la notizia del ricovero in breve tempo si è diffusa in carcere e, così, la tensione è salita fino a

quando il 5 aprile è iniziata la protesta nella sezione Nilo del carcere di Santa Maria Capua Vetere,

con una battitura e l’occupazione simbolica della sezione. A quanto risulta le proteste erano

finalizzate od ottenere un colloquio in merito alle questioni igienico-sanitarie legate all’emergenza

covid-19, ma sono rientrate nel corso della stessa serata di domenica, dopo un primo intervento

della penitenziaria;

il giorno successivo, lunedì 6 aprile, in carcere è arrivata la magistratura di sorveglianza che ha

incontrato i detenuti per i colloqui e ha constatato che gli atti di insubordinazione che si sono

verificati non hanno assunto i connotati di una vera rivolta;

secondo le testimonianze raccolte dall’associazione Antigone e dall’ufficio del garante campano,

appena la magistratura di sorveglianza ha concluso il suo lavoro si è verificata una fortissima

rappresaglia da parte della polizia penitenziaria; quasi cento poliziotti a volto coperto e in tenuta

antisommossa sono entrati in un padiglione e hanno cominciato i pestaggi all’interno delle “camere

di pernottamento”. Sembra che siano intervenuti poliziotti diversi da quelli in servizio presso

l’istituto, giacché questi hanno agito contro chi non aveva preso parte alle agitazioni del fine

settimana, e addirittura contro qualche detenuto che dopo pochi giorni sarebbe uscito dal carcere

con gli evidenti segni delle lesioni;

considerato che

in questi giorni sono stati presentati alcuni esposti alla Procura della

Repubblica (solo l’associazione Antigone ne ha già depositai tre, in diversi penitenziari del paese)

che dovrà accertare cosa è successo nel carcere casertano;

dai racconti che i detenuti hanno fatto ai loro familiari e che sono balzati sulle cronache, le azioni

della polizia si sono svolte nei modi più violenti e in spregio della dignità umana: ad alcuni detenuti

sono stati tagliati barba e capelli, altri sono stati spogliati e pestati con manganelli, pugni e calci su

tutto il corpo. Il racconto di queste torture non sembra fermarsi, perché alcuni familiari sostengono

che i pestaggi continuino anche ora. Nel corso di questa settimana, le famiglie, preoccupate per le

violenze, hanno organizzano una manifestazione pacifica nei pressi del carcere;

i fatti, così come emersi dalle molteplici segnalazioni, sono stati altresì confermati dal Garante

Regionale dei detenuti della Campania, Samuele Ciambriello;

tenuto conto altresì che

questo è il primo detenuto ammalato di Covid-19 della regione, la seconda dopo la Lombardia per

indici di sovraffollamento carcerario;

il carcere non è un luogo impermeabile: il distanziamento sociale è impraticabile, guanti e

mascherine non ci sono, in istituto entrano ed escono moltissime persone e ad oggi, i contagiati

sono circa duecentotrenta (sessanta detenuti e centosettanta poliziotti);

dal giorno successivo agli eventi di cui sopra, sono stati sospesi i colloqui, ovvero le videochiamate.

Motivo per il quale nella giornata di giovedì c’è stata una protesta all’esterno della casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

anche la Camera Penale di Santa Maria Capua Vetere è intervenuta per chiedere il ripristino dei

colloqui telefonici con i detenuti, giacché la sospensione del servizio inficia, evidentemente,

l’esercizio del diritto di difesa;

la tensione, anche quella della polizia penitenziaria, si trasforma di continuo in atti di forza, che non

vorremmo diventasse una strategia di contenimento della paura o una risposta alle legittime

richieste dei detenuti. Il virus viaggia velocemente e la direzione sanitaria cerca di stargli dietro. È

tuttavia difficile contenere tali situazioni, perché i detenuti sono tanti e in alcune sezioni sono

ammassati in clamoroso sovrannumero. Oggi i contagi nel carcere di Santa Maria sono arrivati a

quattro e un intero piano di una sezione è stato isolato;

se il sistema sta svelando un’altra falla, dopo gli ospedali e le case di cura, è anche vero che esiste

una differenza tra il carcere e gli altri ambienti. Nei nosocomi e nelle RSA, finanche in alcune

fabbriche (tutto pur di non interrompere le linee di produzione) si stanno predisponendo – dopo

centinaia di morti tra pazienti, medici, infermieri e vigili del fuoco – misure di sicurezza per

arginare il contagio. Nelle carceri si guarda il sistema implodere senza prendere alcuna decisione;

l’interrogante ha già depositato in data 10 marzo 2020 un’interrogazione a questo stesso Ministro

per avere chiarimenti sulle rivolte avvenute nelle carceri di tutta Italia non appena è scoppiata

l’epidemia covid-19, chiedendo quali azioni e provvedimenti intendesse assumere per rendere

effettivamente garantito il diritto alla salute dei detenuti, giacché è palese che non è solo chiudendo ai colloqui, alle attività esterne o alle misure alternative che si può fronteggiare il rischio di epidemia in carcere;

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza dei fatti di cui sopra e come intenda intervenire perché si

faccia chiarezza su quanto realmente accaduto nelle 24 ore tra domenica 5 e lunedì 6 aprile;

se il Ministro in indirizzo intenda intervenire, nei limiti delle sue competenze, affinché venga

garantita la salute e la sicurezza nelle carceri italiane, giacché gli articoli 123 e 124 del Cura Italia

non hanno modificano granché le normative esistenti e nella pratica anche quando viene concessa la detenzione domiciliare si richiede come vincolo la sorveglianza con braccialetti elettronici, la cui

disponibilità in questo momento è limitata e, con ogni probabilità, insufficiente per ridurre il

sovraffollamento;

se il Ministro voglia intervenire per indirizzare l’azione di questo governo al fine di limitare il

sovraffollamento e il conseguente pericolo dei contagi nelle carceri italiane per tutelare i detenuti e, naturalmente, anche il personale che lavora nelle carceri, poliziotti e civili, attraverso la

predisposizione obbligatoria di dei dispositivi di protezione individuali quali mascherine e

igienizzanti, la sanificazione dei locali, dei luoghi comuni, uffici, celle, mense e l’acquisto di

braccialetti elettronici al fine di far scontare la pensa residua, a chi e ha diritto, presso la propria

abitazione.

 

 

 

 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.