Comuni

Fiume Sarno, sversamento di un composto di colore verde all’altezza della Cartiera di Pompei

Borrelli (Verdi): “Immagini inquietanti, purtroppo episodi del genere sono all’ordine del giorno nel fiume più inquinato d’Europa. Occorre una mappatura degli scarichi abusivi, punizione severe agli incivili e pulizia totale”

 

Pompei, 5 Novembre – “Alcuni cittadini ci hanno segnalato un video apparso sulla pagina Facebook “Sos Torre Annunziata” che mostra lo sversamento abusivo di un composto di colore verdastro nel fiume Sarno, all’altezza della Cartiera di Pompei. Sono immagini inquietanti, alle quali purtroppo siamo abituati. Episodi del genere sono all’ordine del giorno nel fiume più inquinato d’Europa. Il corso è affluito da decine di scarichi realizzati abusivamente che lo rendono, di fatto, una discarica a cielo aperto.

Da parte nostra c’è la massima determinazione nel ribadire che è ora di adottare una politica seria di contrasto ai fenomeni di inquinamento del fiume Sarno e che porti alla sua totale bonifica. Occorre una mappatura di tutti gli scarichi abusivi e un’operazione che permetta di risalire alla provenienza in modo da poter punire in maniera esemplare gli incivili che li hanno realizzati in spregio alle leggi sulla tutela ambientale”. Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa