Politica

Festa della Repubblica, il presidente Mattarella all’Altare della Patria

Roma, 2 Giugno – A Roma martedì mattina c’è stata la cerimonia per ricordare il 2 giugno 1946, giorno in cui ci fu il referendum istituzionale che doveva decidere la forma di governo dello stato italiano: vinse la Repubblica con uno scarto di due milioni di voti, e da allora il 2 giugno si celebra appunto la Festa della Repubblica.

A causa dell’emergenza legata al coronavirus, quest’anno, la parata militare è stata cancellata e ci sono stati solo il consueto volo delle Frecce Tricolori e la posa della corona d’alloro da parte del presidente, Sergio Mattarella.

Dopo la cerimonia a Roma, la visita di Mattarella a Codogno, città in provincia di Lodi dove ci fu il primo caso di coronavirus confermato a fine febbraio: Mattarella è arrivato in città poco prima delle 12, dove ha incontrato le autorità locali. Poi, in serata, Mattarella tornerà a Roma per un concerto nel cortile dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani”.

Ma perché la Festa della Repubblica si celebra il 2 giugno? In quella data, nel 1946, venne «mandata in pensione» la monarchia di Casa Savoia, grazie a un referendum istituzionale, indetto a suffragio universale (cui dunque, per la prima volta in Italia, poterono partecipare anche le donne), che con 12.718.641 voti (contro 10.718.502 e 1.498.136 schede nulle o bianche), sancì la nascita della Repubblica.

Il risultato del referendum venne reso pubblico il 18 giugno 1946. Il primo luglio Enrico De Nicola venne nominato primo presidente della Repubblica Italiana, Alcide De Gasperi fu il primo presidente del Consiglio e il primo gennaio 1948 entrò in vigore la nuova Costituzione della Repubblica Italiana.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa