Politica

DL Crescita, A. Cesaro (FI):”Governo riconosce ammortizzatori in Campania grazie alle nostre denunce”

Napoli, 5 Aprile – “Le nostre denunce erano fondate e Di Maio è corso ai ripari”. Lo afferma il presidente del gruppo di Forza Italia del Consiglio regionale della Campania Armando Cesaro.

I consiglieri 5 stelle, dimostratosi bugiardi seriali oramai certificati, – spiega Cesaro – sono senza vergogna: il 2 aprile hanno affermato che Di Maio aveva firmato un decreto che concedeva gli ammortizzatori straordinari ai lavoratori delle aree di crisi complessa della Campania dichiarando un falso smentito dal sito del Mise, da me immediatamente denunciato e oggi anche dai sindacati. Adesso, lungi dal riconoscere la bufala, sostengono che quei fondi c’erano ma erano da un’altra parte. La verità è che il ministro Di Maio ha compreso la nostra preoccupazione e solo ieri sera ha inserito quelle risorse nel Dl Crescita, approvando peraltro un provvedimento chiuso in fretta e furia e ‘salvo intese'”.

Per il capogruppo regionale campano di Forza Italia “parlano i fatti e i fatti dicono che i grillini non hanno esitato, per pura propaganda politica, a vendersi la pelle dei lavoratori dell’ex Montefibre di Acerra e delle altre aree di crisi della Campania”. “La verità è che sono senza pudore e che non hanno nessun titolo né politico né morale per dare lezioni a nessuno”, conclude Cesaro.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa