Attualita'

Devianza e criminalità minorile, riflessioni sulla dimensione dell’azione criminale

Napoli, 25 Giugno – Nel momento in cui scrivo, sto ascoltando e vedendo in tv la notizia del brutale omicidio del minorenne (16enne), ucciso a Pescara da due minorenni “perbene”. Mi domando: visto che i due soggetti agenti non avevano, per nulla, problemi familiari di matrice economica, cosa non ha funzionato nell’educazione che è stata loro impartita dai genitori? Perché i due autori di tale fatto criminoso si sono sentiti autorizzati a potere agire così?

La posizione socio-lavorativa apicale o comunque di elevato spessore di uno o di entrambi i genitori viene, probabilmente, molto spesso, percepita, da parte dei figli (e delle figlie) delle famiglie “in vista”, come una sorta di “scudo protettivo” rispetto alla giurisdizione penale, anche in dispregio di quanto previsto all’articolo 98 c. p. che costituisce già di per sé, una disposizione codicistica di tenore molto mitigato? Qualora tale ultimo passaggio sia o tenda a diventare il “pensiero basilare” in riferimento al caso in oggetto ed a quelli di matrice similare o ben peggiore, bisogna fare in modo di dimostrare, a livello familiare, socio-educativo, legislativo e di Giurisdizione Penale Minorile, che non è così.

Detto in altri termini: si deve tenere conto della minore età e valorizzare la risoluzione pacifica delle problematiche ad essa connesse, ma senza scadere in un “indulgentismo da operetta” sotto ogni aspetto, specialmente qualora l’agire del soggetto minorenne tenda ad assumere, in via abituale, una connotazione marcatamente criminosa. Nelle more che la Giustizia Penale Minorile faccia il suo corso per il caso in oggetto (e per quelli similari, sperando che non se ne verifichino tanti altri ben peggiori) , non dobbiamo evitare di chiedere e di chiederci: COSA NON VA CONCRETAMENTE E CHE COSA SI DEVE RECUPERARE, SAGGIAMENTE, DAL

PASSATO (con riferimento all’asse temporale dal 1940 fino al 1980), NELL’EDUCAZIONE FAMILIARE, RELIGIOSA E SOCIALE DEI MINORI? QUALI MODIFICHE DI SPESSORE VANNO APPORTATE, COME SANZIONI ED A TUTELA DEI MINORI, NEI CODICI PENALE E DI PROCEDURA PENALE?

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.