Attualita'

Covid-19, weekend di esodo e shopping: controlli su stazioni, autostrade e aeroporti in vista dell’esodo di Natale

loading...

Napoli, 19 Dicembre – Questo è l’ultimo fine settimana ‘libero’ prima della zona rossa-arancio delle feste e scatta l’allarme per l’esodo e per gli assembramenti da shopping. Natale, Capodanno ed Epifania saranno blindati ma finché è possibile ci si prepara a raggiungere la famiglia e i luoghi d’origine prima del 21 dicembre quando scatterà il divieto di spostamento tra le Regioni. Il Viminale ha pianificato una serie di controlli su strade e autostrade, e, per evitare assembramenti, nelle stazioni, nei porti e negli aeroporti, in tutti i luoghi che rischiano di essere presi d’assalto, come ha sottolineato il capo della polizia, Franco Gabrielli, in una circolare inviata ai questori.

Traffico e code si sono registrati venerdì sulle autostrade per chi voleva raggiungere la Liguria; coda di 13 km sull’A1 per un incidente fra Piacenza e Fiorenzuola; aumento del traffico negli aeroporti (80 mila i passeggeri a Linate e Malpensa nel week-end, l’88% in meno dello scorso anno ma comunque un quarto in più dell’intera scorsa settimana). E anche se non si è verificato ‘l’assalto’ registrato lo scorso marzo, prima che scattasse il lockdown (anche perché i treni viaggiano al 50% della capienza per le norme anticovid), i treni hanno registrato praticamente il tutto esaurito. 

Per gli spostamenti in auto, se non si è conviventi, si può stare solo in due: una persona seduta davanti e una dietro.​Code scorrevoli ai tornelli della Stazione centrale di Milano, e controlli della Polfer a Napoli Centrale, a Campi Flegrei, ad Afragola e a Torre Annunziata con 150 agenti che filtrano gli arrivi e ritirano le autocertificazioni che saranno poi controllate a campione. Niente di paragonabile dunque a quanto accaduto domenica scorsa in metro a Milano. Chiusi i tornelli nella stazione di Loreto per evitare assembramenti sui convogli, c’è chi non ha esitato a scavalcare le paratie di 2 metri e mezzo.

Scene riprese in un video finito sui social e diventato virare che Atm, l’azienda di trasporti milanesi, ha definito “un atto di inciviltà e irresponsabilità”.  In Sicilia sono attesi in 70mila di rientro per le festività e molti si sono prenotati per i tamponi rapidi. In 200 mila si prevede lasceranno Milano entro il 20. “Come era facile prevedere, è iniziato l’esodo per le festività natalizie – ha commentato il presidente della Lombardia Attilio Fontana – Continuo a chiedermi perché il 21-22 e 23 dicembre non sia stato consentito muoversi, evitando così questi affollamenti dell’ultim’ora”. 

Il prefetto di Roma, Matteo Piantedosi, ha assicurato, parlando a Rai News 24, che “saranno rafforzati i controlli su stazione e aeroporti in vista dell’esodo di Natale”. “Per le folle in centro o anche nei luoghi coperti come centri commerciali – ha spiegato – c’è un meccanismo di controllo agli accessi alle zone dello shopping, al verificarsi di particolari assembramenti si chiude”.

“È più facile controllare i trasporti, che sono limitati al 50% della capienza – ha proseguito – Per le strade, nessuno può prevedere come si evolva la situazione nei fine settimana. Ma il sistema funziona e ringrazio tutte le forze di polizia impegnate”. Il prefetto parla di “sistema ormai consolidato: sono previste le autocertificazioni, che sono un sistema per semplificare le cose al cittadino”. 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.