Comunicati

Coronavirus, 300 dipendenti dell’ASP di Crotone in malattia. Sudisti Italiani: “Vergognatevi. Infangate l’immagine del Sud Italia di fronte al mondo intero”

Nessuna giustificazione per i furbetti! Il Governo Italiano intervenga per far luce sulla questione 
 
Roma, 22 Marzo – “Tornate a lavorare se, come molti sostengono, non siete realmente ammalati” esortano i Sudisti Italiani rivolti ai 300 dipendenti dell’ASP di Crotone, i quali si sono dichiarati in malattia, di cui 151 sarebbero sanitari, 33 medici, 91 infermieri e 17 operatori socio-sanitari.
“Se non è vero che siete ammalati, dovete vergognarvi per quello che state facendo. Necessità urgentemente personale medico per affrontare l’emergenza Coronavirus ! Siamo di fronte a sanitari vigliacchi, traditori, che trasmettono un’immagine deteriore del Meridione d’Italia?
Nel Sud Italia operano medici ed infermieri altamente qualificati  impegnati, senza sosta, per curare gli ammalati di Coronavirus. Essi testimoniano che il Sud Italia è in prima linea per fronteggiare e sconfiggere la terribile pandemia che affligge l’intero universo. Tornate a lavorare ed impegnatevi per il bene della collettività, come esige la vostra professione.  Siete retribuiti per porvi al servizio degli ammalati al fine di curarli e, quindi, guarirli! In Italia arrivano medici da ogni parte del mondo per sostenere la Sanità italiana seriamente in difficoltà per il dilagare esasperato ed irrefrenabile del contagio. Nessuna giustificazione per i furbetti! 
E’ necessario porre in essere accertamenti per verificare la veridicità della malattia dichiarata. Il Governo Italiano intervenga per far luce sulla questione!”


Scisciano Notizie crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, Scisciano Notizie correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online e Scisciano Notizie ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected]

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa