Comuni

Confapi Napoli e gruppo Giovani lanciano raccolta fondi Pmi

loading...

Appello a imprese, professionisti e cittadini a favore degli ospedali cittadini

I presidenti Marrone e Di Santis: anche una piccola somma può essere utile

Napoli, 18 Marzo – “In un momento di emergenza straordinaria che coinvolge non solo il nostro Paese, ma il mondo intero, le imprese napoletane sono pronte a dare il loro contributo ancora una volta”.

Con queste parole i presidenti di Confapi Napoli e del gruppo Giovani Confapi del capoluogo campano, Raffaele Marrone e Massimo Di Santis, lanciano una raccolta fondi a favore di tutti gli ospedali cittadini e in particolare del Cotugno, trincea della città nella lotta al Coronavirus.

“Invitiamo tutti a donare secondo le loro possibilità. Anche una piccola somma, in questa circostanza, può essere utilissima. In una battaglia quotidiana a un nemico invisibile, che minaccia non solo la nostra salute ma anche la nostra stessa organizzazione sociale, le imprese e i professionisti e anche i semplici cittadini sono al fianco delle donne e degli uomini che, a costo della loro stessa vita, si stanno sacrificando per tutelare noi tutti”.

La donazione, aperta a chiunque voglia partecipare, può essere effettuata utilizzando questo iban IT77Q0711003400000000008929 intestato a Confapi Napoli con causale: “Aiutiamo i nostri ospedali”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.