Politica

Concorsone Campania, A. Cesaro (FI):”Attiva su Facebook la pagina per il ricorso”

Napoli, 28 Gennaio – Una pagina Facebook dedicata ai circa 300 mila candidati del concorsone campano per raccogliere le adesioni al ricorso per chiedere l’annullamento delle prove del concorso Ripam Campania indetto per l’assunzione a tempo indeterminato in Regione Campania e in altri 196 enti locali campani, di circa 10 mila unità di personale di categoria C e D.

A lanciarla, all’indomani dell’ennesima rettifica delle graduatorie della prima prova preselettiva per la categoria D, è il capogruppo regionale campano di Forza Italia Armando Cesaro insieme con l’avvocato Angelo Pisani.

“Proseguiamo, come preannunciato nei giorni scorsi – spiega Cesaro -, una sacrosanta battaglia per la tutela del diritto di tantissimi giovani e meno giovani a partecipare ad un concorso ben organizzato e trasparente”.

“A breve, entro un paio di giorni – fa sapere Cesaro -, sarà possibile aderire al ricorso anche dalla mia pagina Facebook”.

“Più tempo passa, più l’annullamento del concorso diventa un imperativo visto che oramai non c’è più alcuna garanzia che tutti i gravissimi errori commessi fino ad oggi, peraltro nella più assolta mancanza di trasparenza o sanzioni, non si ripetano con le prossime prove”, conclude Cesaro.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa