Politica

Campania, Forza Italia. Di Scala, Chiosi e Boccarusso: nessuna adesione a Fratelli d’Italia

loading...

Napoli, 6 Gennaio – Nessuna adesione a Fratelli d’Italia. Lo rendono noto, rinviando alle recenti indiscrezioni stampa che li vedrebbero aderire al partito di Giorgia Meloni, l’ex consigliera regionale di Forza Italia, Maria Grazia Di Scala, l’ex Presidente e attuale Assessore agli Affari Generali della I Municipalità del Comune di Napoli Fabio Chiosi e il coordinatore di Forza Italia di Massa di Somma, di Vincenzo Boccarusso.

“Sono stata per cinque anni consigliera regionale di Forza Italia e il mio impegno prosegue in Forza Italia indipendentemente dal fatto che io sia stata contattata da alcuni dirigenti di Fratelli d’Italia  o di altri partiti”, precisa Di Scala.

“Apprendo dalla stampa, che evidentemente ne sa più di me – afferma Chiosi –, di un mio imminente passaggio in Fratelli d’Italia. Me ne sorprendo: sono e resto nel partito del presidente Berlusconi e continuerò a svolgere con l’impegno di sempre il mio lavoro politico e istituzionale nell’interesse dei cittadini”.

Analogamente Boccarusso per il quale “le voci che mi darebbero in procinto di aderire ad un altro partito sono ricostruzioni giornalistiche prive di fondamento”.  

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.