Attualita'

Campania, EAV: Rinnovato interesse per gli archivi storici e per la sua storia

Napoli, 25 Ottobre – Dopo aver curato il riordinamento e l’inventariazione digitale del suo Archivio storico – quello dell’Ente Antonomo Volturno azienda elettrica, archivio dichiarato nel 2006, dalla Soprintendenza Archivistica per la Campania, “archivio di notevole interesse storico” – Eav si propone di valorizzare, nei prossimi anni, gli archivi delle sue ex società controllate, Circumvesuviana, SEPSA e MetroCampania NordEst, per i quali ha appena sottoscritto un accordo di collaborazione con l’Archivio di Stato di Napoli e sui quali si propone di sottoscrivere un programma di recupero e di scarto con la Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Campania (ente che, tra l’altro, è preposto alla vigilanza di tutti gli archivi “notificati” della Campania).

Proprio in questi giorni, tra l’altro, in occasione delle visite guidate gratuite organizzate da Open House Napoli, circa 150 visitatori hanno potuto apprezzare non solo le bellezze di Palazzo Giovene di Girasole, sede storica di Eav, ma anche la ricchezza e la specificità del suo Archivio storico, custodito proprio in quel palazzo; archivio che, costituito da carte amministrative, corrispondenza, manoscritti, libri, opuscoli e materiale iconografico (oltre 2.000 fascicoli in gran parte raccolti in 400 faldoni), documenta il complesso ventaglio di iniziative imprenditoriali – dall’elettricità ai trasporti, dall’ora unica alla progettazione del sistema dei trasporti regionali del futuro – messo in atto dall’Ente nel corso del Novecento. Un archivio ora destinato, dunque, ad essere implementato attraverso il recupero e la valorizzazione degli archivi storici di quelle società che nel 2012 Eav ha incorporato.

Nel frattempo il presidente di Eav, Umberto de Gregorio, mostra di voler anche cogliere l’appello di Augusto Cracco, ex amministratore unico di Ctp, società di cui Eav ha rilevato i servizi dopo il noto fallimento, e della quale, dopo articolate vicende, aveva già in passato ereditato alcune linee ferroviarie (in particolare, la ferrovia Alifana). Salvo diverso parere della Soprintendenza Archivistica per la Campania, Eav potrebbe dunque dare il suo contributo, nell’ambito degli accordi con l’Archivio di Stato di Napoli e con la stessa Soprintendenza, anche al recupero e alla valorizzazione.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.