Politica

Campania, Covid. Patriarca (FI): “Settore pubblicità a rischio crac, servono ristori”

loading...

Il capogruppo regionale: tutela anche per calcio minore, danni per 4 milioni in un anno

Napoli, 5 Maggio – «La crisi innescata dalla pandemia non ha risparmiato alcun settore ed è giusto che le Istituzioni s’impegnino per evitare il collasso della nostra economia. Ma mentre alcuni comparti hanno la fortuna di essere costantemente sotto i riflettori del circuito massmediatico, ce ne sono altri che restando nell’ombra rischiano di essere dimenticati o considerati di seconda fascia». Lo ha dichiarato Annarita Patriarca, capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale.

«Uno di questi settori è quello degli operatori della pubblicità esterna, uno strumento fondamentale per il mercato e il commercio. In Campania, nel solo mese di febbraio 2021, il comparto ha fatto registrare una perdita dei ricavi del 70% rispetto ai dodici mesi precedenti. A rischio, a livello nazionale, ci sono 50mila posti di lavoro. Con l’aggravante che il comparto, a differenza di altri, non ha goduto del rinvio degli accertamenti esattoriali e dei tributi, né di ristori specifici e del credito d’imposta come per la restante parte dell’editoria».

«Un altro segmento economico che va sostenuto – ha detto ancora il capogruppo azzurro – è quello dello sport e, in particolare, dello sport minore. Va raccolto il grido di allarme lanciato da alcuni presidenti della squadre di calcio campane, che militano nei campionati di serie D e di Eccellenza; nell’ultimo anno si è perso un indotto che si stima essere di quattro milioni di euro complessivi, con una perdita del 50% delle entrate rispetto al 2019. La crisi si fa sentire anche per le scuole calcio, che svolgono sul territorio funzione aggregatrice sana per i nostri giovani, oggi più che mai in balìa dei danni psicologici dovuti al lockdown e alla compressione degli spazi di ritrovo. In media la convergenza economica negativa ha portato a una preoccupante contrazione degli iscritti. La media è del -40%, ma ci sono anche realtà che, per la mancanza di “tesserati” hanno dovuto cessare definitivamente l’attività».

«A questi operatori economici, come recentemente ribadito anche dal coordinatore nazionale di Forza Italia, on. Antonio Tajani, devono essere assicurati ristori congrui e aiuti concreti in tempi certi. Non possiamo consentire, infatti, che gli strascichi della pandemia distruggano interi settori economici nel silenzio e nell’indifferenza delle Istituzioni».

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.