Politica

Campania, Covid. Ficco (Saues):”Bene lockdown, sbagliato riaprire scuole primarie e infanzia”

loading...

Napoli, 15 Novembre – “Bene il lockdown ma è necessario chiudere completamente le scuole elementari e, a nostro parere, anche gli asili. Lo affermiamo da medici impegnati sul campo, da professionisti che purtroppo hanno avuto modo di registrare non pochi casi di bambini, anche di età inferiore ai 6 anni, positivi al coronavirus, alunni delle primarie che a loro volta hanno contagiato i propri familiari”. Lo afferma il presidente nazionale del Saues, sindacato autonomo urgenza emergenza sanitaria, Paolo Ficco.

“Ricordiamo – aggiunge Ficco – che questo opportuno lockdown serve a ridurre il numero dei contagi, i tempi di intervento delle ambulanze sul territorio e di permanenza nei pronto soccorso, e soprattutto a liberare posti letto negli ospedali oltre che a consentire una migliore assistenza degli ammalati nel loro domicilio e nelle stesse strutture sanitarie”.

“In questo senso – rimarca il presidente del Saues –, chiudere completamente la scuola dell’infanzia e la primaria, misura che avrebbe peraltro limitate implicazioni economiche, eviterebbe mini assembramenti poco opportuni e pertanto i contagi”. “Auspichiamo dunque che le autorità competenti riflettano e provvedano di conseguenza”, conclude Ficco.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.