Politica

Campania, coronavirus. A. Cesaro (FI):”Settore e indotto in ginocchio, serve chiarezza”

loading...

Napoli, 7 Maggio – “Dalle aziende specializzate, agli operatori video, dai fotografi ai fioristi e poi musicisti, albergatori, arredatori e, ancora, negozi di bomboniere e di abiti da sposa, noleggio auto e catering. Il settore di matrimoni ed il suo vastissimo indotto è letteralmente in ginocchio”.

Lo afferma il capogruppo regionale campano di Forza Italia Armando Cesaro, per il quale “tra cerimonie cancellate o rinviate se non si consente la ripresa di queste attività che in Italia valgono oltre 20 miliardi di euro fatturato l’anno, si rischia di compromettere definitivamente un filiera produttiva che in Campana conta decine e decine di migliaia di lavoratori”.

“Nessuno chiede azzardi o di rischiare il riesplodere dei contagi, tuttavia – sottolinea l’esponente di Forza Italia -, visto che la curva della diffusione del coronavirus consente l’avvio della fase 2, sarebbe fondamentale dare certezze a chi voglia sposarsi per poterlo programmare in sicurezza ed attivare senza ulteriori perdite di tempo tutte le misure possibili a sostegno dell’indotto, programmando anche le singole riaperture dei diversi settori dell’indotto nei tempi più celeri possibili”.

“Non credo si possa attendere oltre: il governo e le Regioni hanno il dovere della chiarezza e emanare le opportune disposizioni“, conclude Cesaro.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.