Politica

Campania, Castellone (M5S): “Non si può lasciare a De Luca il controllo della sanità in Campania”

La senatrice: “Oggi il Cdm si esprima a favore del nuovo commissario”

Napoli, 9 Aprile – “Lasciare la sanità campana nelle mani di Vincenzo De Luca equivale a perorare la causa dell’uomo che ha precipitato ai minimi storici la qualità dell’assistenza per i cittadini della nostra regione. E’ da troppo tempo che invochiamo un’inversione di rotta e auspichiamo che oggi pomeriggio il Consiglio dei ministri si esprima favore della nomina di un nuovo commissario che tolga finalmente la sanità dalle mani e dal controllo dell’attuale governatore. Così come auspichiamo che il nostro alleato di Governo non si opponga a un rinnovamento che oggi si rende più che mai necessario. Lasciare la sanità nelle mani dell’attuale commissario equivale a dichiararsi nemici dei cittadini della Campania”. Lo dichiara la senatrice M5S e capogruppo in Commissione Igiene e Sanità Maria Domenica Castellone.

“Se vogliamo che la politica tolga le mani dalla nostra sanità – conclude Castellone – dobbiamo ripartire proprio dall’esempio della Campania, tenuta in piedi grazie a medici e infermieri straordinari, ma gestita da dirigenti premiati per l’appartenenza politica e non certo per le loro capacità professionali”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa