Politica

Campania, Covid. De Luca: “Dobbiamo stringere i denti fino a fine gennaio. La Campania regge bene, posizione propagandistico-demagogica del ministro dell’Istruzione sulle scuole”

Napoli, 21 Gennaio – il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca ha fatto oggi il punto della situazione sull’emergenza Covid, durante la consueta diretta video su Facebook: «Dobbiamo stringere i denti fino a fine gennaio. La gente si sta vaccinando, molte prime dosi…meglio tardi che mai. Non si possono sentire più le stupidaggini dei no-vax. Noi in Campania stiamo reggendo bene, continuo a registrare una posizione propagandistico-demagogica del ministro dell’Istruzione sulla questione scuole».

«Non so – continua –  se siamo arrivati al massimo del contagio, al picco. La sensazione che si ha è che abbiamo ancora un numero impressionante di morti per Covid, e da questo punto di vista siamo veramente in un’emergenza drammatica. Ma per quanto riguarda l’estensione del contagio, da qualche giorno siamo fermi sotto i 200mila. Nessuno di noi è in grado di sapere cosa succederà nei prossimi giorni. La sensazione è che si vada verso un qualche assestamento, e questo lascia intuire che da fine gennaio cominceremo ad avere probabilmente una discesa del contagio».

È sulle scuole che De Luca pigia sull’acceleratore, lo scontro è iniziato dieci giorni fa con il muro contro muro fra Regione e governo sull’ordinanza regionale di chiusura delle scuole in presenza, impugnata da Palazzo Chigi e bocciata dal Tar Campania. De Luca ce l’ha soprattutto con Patrizio Bianchi, ministro dell’Istruzione nel governo guidato da Mario Draghi: «Non è vero come dice il ministro che abbiamo il 92-93% di situazioni normali. È una mistificazione. Ad oggi in Campania nella fascia d’età 0-13 abbiamo oltre 29mila positivi nel periodo 11-19 gennaio.

Nel territorio della Asl Napoli 1, i positivi sono stati 5mila che se confrontati con dati degli ultimi 10 giorni del 2021 registrano un incremento del 132%. Dalla scuola “Salvemini” di Barra a Napoli ci dicono gli insegnanti: lunedì 10 gennaio, in presenza nelle classi da prima a quinta elementare il 43% degli alunni, da martedì soltanto il 28%. Abbiamo una situazione caotica, le attese dei tamponi in cui non si sa cosa fare».

Sui vaccini anti-Covid ai bambini il presidente della giunta regionale della Campania dice che i dati sono positivi: «Per la fascia d’età 5-11 anni per fine gennaio possiamo arrivare a 150mila bambini vaccinati, ne sono 380mila».

 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.