Politica

Campania, A. Cesaro (FI):”Su disastro calzaturiero immobilismo Giunta De Luca, subito tavolo di crisi”

Napoli, 2 Marzo – “Per il settore calzaturiero, una volta fiore all’occhiello dell’intero comparto manifatturiero campano, quella degli ultimi 5 anni è una vera e propria crisi conclamata, tanto drammatica quanto colpevolmente ignorata dal governo De Luca. I dati sono spaventosi: nel solo 2019 l’export campano è diminuito di oltre il 20% e il settore ha perso ben 44 milioni di euro, perdite concentrate soprattutto nel Napoletano, da cui dipende oltre il 60% dell’export che da 132 milioni è sceso a 96 milioni di fatturato. Analogamente drammatici i dati sui licenziamenti e la cassaintegrazione, mai così alti in questi ultimi 5 anni nel Napoletano come nel Casertano. Un disastro, un fallimento assoluto delle politiche di sviluppo del centrosinistra che proprio dell’abbigliamento ne avevano fatto uno dei quattro assi portanti del Documento Economico e Finanziario Regionale”. Così, a margine dell’audizione dei rappresentanti del settore calzaturiero campano svoltasi questa mattina in Commissione Lavoro e Attività Produttive, il capogruppo regionale campano di Forza Italia, Armando Cesaro che ne aveva chiesto la convocazione.

“Invitiamo De Luca – aggiunge Cesaro – a raccogliere l’accorato appello dei calzaturieri campani e di impegnarsi presso il governo perché istituisca subito un Tavolo di Crisi permanente che affronti in maniera strutturale e ragionata le criticità di un settore che sconta pesantemente l’assenza di interventi mirati oggi quanto mai urgenti”. “Ci auguriamo che si provveda al più presto, viceversa ci penseremo noi a breve, una volta al governo della Campania e del Paese”, conclude Cesaro.



Scisciano Notizie crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, Scisciano Notizie correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online e Scisciano Notizie ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected]

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa