Comuni

Bombe a Ponticelli, nasce ‘Comitato di liberazione dalla camorra’

loading...

Ponticelli, 15 Maggio – Ponticelli è Napoli, Ponticelli è l’ Italia. Illuminiamo il buio dei quartieri della zona Orientale della città. Abbattiamo i muri che tracciano il confine di Napoli al parcheggio Brin e alla Stazione centrale.

 La zona Orientale è Napoli. Tre bombe e una ‘stesa’ in 72 ore. Strade, piazze, rioni, condomini trasformati in campi di battaglia con attentati e agguati. Commercianti, abitanti, una intera comunità ostaggio della paura e della violenza. All’emergenza criminale, ai bombaroli del terrore camorrista rispondiamo con la mobilitazione, dobbiamo evitare che ci siano altre vittime innocenti come è stato Ciro Colonna, il ragazzo ucciso il 7 giugno del 2016 in via Decio Mure Console Romano, ex Lotto 0. Sangue innocente che ci ammonisce e ci chiede di dare subito e con forza una risposta.

La camorra è il problema più drammatico di Napoli e ne condiziona tragicamente la vita quotidiana e le possibilità di normalità e di sviluppo. È una guerra. Ponticelli resiste e combatte insieme. Alziamo la testa. Ci siamo incontrati al Polifunzionale ‘Ciro Colonna’ in via Curzio Malaparte con associazioni, gruppi di volontariato, cooperative, educatori, animatori, formatori, chiesa, università, società civile, esponenti delle istituzioni, parlamentari. Ci siamo guardati negli occhi e raccontato le nostre storie collettive. Non è più paura, ma angoscia, inquietudine, spaesamento. La deflagrazione, il rumore sordo, la cortina di fumo che annebbia e ammorba. Siamo più forti. Siamo di più. Usciamo sul territorio. Entriamo dentro i luoghi del terrore. Riprendiamoci Ponticelli.

Per organizzare la speranza, per costruire risposte immediate abbiamo deciso di costituire un tavolo permanente di consultazione e di dar vita alla nascita del Comitato di liberazione dalla camorra. Ci schieriamo contro il potere e la cultura camorrista. Ora è il tempo delle risposte. Tutti, nessuno escluso, sono chiamati a prendersi le proprie responsabilità. Basta connivenze, convivenze e convenienze. Chiediamo al Governo, al Prefetto di Napoli :

1) Presenza quotidiana delle forze dell’ordine sul territorio.

2) Attivazione delle telecamere di videosorveglianza

3) Scuole aperte d’estate con campi per bambini, adolescenti e contrasto alla povertà educativa.

4) Recupero, riapertura e attivazione degli spazi sociali, culturali e degli impianti sportivi

5) Varare il ‘Piano per il futuro’. Guardando al Recovery plan : Rilancio economico, sociale, culturale attraverso investimenti e implementazione di un piano straordinario per il lavoro per arginare la deindustrializzazione (vicenda Whirlpool)

Il Comitato di liberazione dalla camorra nei prossimi giorni avvierà una serie di iniziative pubbliche sul territorio, nei luoghi dove vivono e si combattono gli uomini delle organizzazioni criminali. “Chi sa parli”, dobbiamo sconfiggere paura e omertà ma abbiamo bisogno per questo che governo e istituzioni facciano la loro parte. Noi che abitiamo nella periferia Est di Napoli, non siamo figli di un Dio minore, non vogliamo vivere in una terra di nessuno. Non si può chiedere il coraggio ai cittadini se contemporaneamente lo Stato non garantisce sicurezza, servizi, formazione, lavoro, sviluppo.

TerradiConfine, ArciMovie, Casa del Popolo di Ponticelli,  Libera Ponticelli, Libera Volla, Ass. Gioco immagine e parole, Ass. Renato Caccioppoli, Ass. Art33, Ass. Vivendo Ponticelli, Cooperative Sepofa, Libera Campania, Chiesa beata Vergine di Lourdes, Giovani del Vesuviano, Figli in famiglia, Fondazione Famiglia di Maria,  Ippolito Braccini, assessore municipale al verde, Patrizia Sannino, assessore municipale alle politiche sociali, Stefano Marzatico e Antonio di Costanzo consiglieri municipali, Fai antiracket Ponticelli, Società mutuo soccorso operaio Barra, Gino Napolitano presidente consulta associazioni, [email protected], professore Stefano D’Alfonso, i parlamentari Sandro Ruotolo e Vincenzo Presutto.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.