Politica

Agguato a Casoria, si costituisce chi ha sparato a Gianluca Coppola. È legato a persona del clan Moccia. Borrelli: “Massimo della pena per chi spara per futili motivi”

loading...

Napoli, 1 Maggio – “Si è costituito l’uomo che avrebbe sparato a Gianluca Coppola, il 27enne di Casoria, attinto da due colpi di pistola lo scorso 8 aprile. Si tratta di un 31enne legato, secondo gli inquirenti, da vincoli di parentela con una persona ritenuta appartenente al clan Moccia. Anche se alla base dell’agguato ci sarebbero vicende di tipo sentimentale.

Abbiamo seguito la storia di Gianluca fin dall’inizio, due settimane fa abbiamo partecipato alla manifestazione a Casoria per chiedere giustizia, e ora chiediamo il massimo della pena per il responsabile. È inquietante pensare che per futili motivi oggi si arrivi a voler ammazzare una persona. Servono condanne severe per questi atti che possano essere un monito per tutti. La vita dei nostri giovani vale troppo poco in confronto alle pene leggere che vengono inflitte per simili atti.

Siamo vicini alla famiglia e a Gianluca, ancora in condizioni critiche al Cardarelli. Sono quotidianamente in contatto con il padre per avere sue notizie, nella speranza che possa presto riprendersi e tornare alla sua vita”. Lo ha detto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.