Cronaca

Addio a Stefano D’Orazio, storico batterista dei Pooh. Il saluto dei compagni:”Persona per bene e onesta. Abbiamo perso un fratello”

loading...

Napoli, 7 Novembre – E’ morto Stefano D’Orazio, lo storico batterista della band italiana “I Pooh”, aveva 72 anni. A darne notizia prima di tutti su Twitter è stato Bobo Craxi, figlio di Bettino. “Stefano amico mio. Suona e scrivi anche lassù. Ciao!”.

Subito poi il comunicato della sua band in coro da parte di Roby Facchinetti, Dodi Battaglia, Red Canzian:“Abbiamo perso un fratello, un compagno di vita, il testimone di tanti momenti importanti, ma soprattutto, tutti noi, abbiamo perso una persona per bene, onesta prima di tutto con se stessa”.

L’artista si è spento dopo una lunga carriera nel mondo della musica, non solo come batterista, ma anche come paroliere e cantante. Da poco, precisamente il 12 settembre 2017 aveva sposato la compagna Tiziana Giardoni, dopo le precedenti storie d’amore con Lena Biolcati ed Emanuela Folliero, storica annunciatrice di Rete 4. Non ha figli, ma di fatto è il padre, avendola cresciuta, di Silvia Di Stefano, figlia della Biolcati.

Alle parole di cordoglio, si è unito anche Riccardo Fogli, che ha condiviso insieme ogni passo della sua carriera con D’Orazio ed anche Enrico Ruggieri: “Una persona perbene, sempre sorridente, piena di energia positiva. Una preghiera per lui e un abbraccio ai suoi fratelli di sempre”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.