Comuni

Caso San Giovanni Bosco, Ficco (SAUES):”Problema è carenza medici ma ancora nessuna misura straordinaria”

Napoli, 6 Giugno – “Il caso gravissimo che ha investito lunedì scorso il Pronto Soccorso del San Giovanni Bosco non può essere ascritto, come è stato fatto, alle responsabilità dei medici ma semmai all’inerzia di chi di dovere rispetto alla pesantissima carenza del personale medico”. Lo afferma Paolo Ficco, presidente nazionale del Saues, il sindacato autonomo urgenza ed emergenza sanitaria, per il quale “soprattutto negli ultimi anni, i continui annunci di un possibile, per quanto parziale, turn over non hanno fatto altro che esasperare gli animi dei medici e dei familiari dei pazienti”.

“E’ evidente che servono immediatamente misure straordinarie che risolvano, seppure temporaneamente, le gravissime falle del sistema sanitario regionale per garantire un livello minimo di assistenza soprattutto nei Pronto Soccorso, ma anche nel 118“, aggiunge il presidente Saues.

“Sono mesi che, forti anche di pareri espressi da autorevoli giuristi, invochiamo contratti di collaborazione per giovani laureati formati o qualunque altra soluzione che nell’immediato e non tra qualche anno, quando le criticità si saranno trasformate in tragedie“, conclude Ficco.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print