Comuni

Vergogna a Ischia, schiaffeggiata mentre era al lavoro presso il presidio sanitario

loading...

Verdi: “Ennesimo capitolo di una lunghissima serie. Incivili non rispettano neanche le donne, è una vera emergenza”

 

Ischia, 23 Luglio – “Siamo profondamente amareggiati da quanto accaduto a Ischia, dove una donna è stata colpita con uno schiaffo mentre era al lavoro presso un presidio sanitario. L’aggressore l’avrebbe colpita perché si sarebbe rifiutata di praticare un’iniezione alla moglie. Il caso è l’ennesimo capitolo di una lunghissima serie. Oramai le aggressioni ai danni di coloro che lavorano nella sanità sono all’ordine del giorno in Campania. In questo caso l’incivile non ha avuto rispetto neanche per una donna. Una vera e propria vergogna”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli commentando l’aggressione denunciata dall’associazione “Nessuno Tocchi Ippocrate”. “Siamo particolarmente preoccupati dall’escalation di violenza nelle strutture sanitarie. Occorre studiare delle contromisure che siano utili a garantire la sicurezza di chi lavora nel comparto. Non riteniamo accettabile che un lavoratore debba essere esposto agli istinti più bassi e violenti mentre garantisce l’esercizio delle proprie mansioni”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.