Comuni

“Un pallone per giocare”, l’iniziativa sportiva della scuola federale di pallavolo “Centro Volley Orta”

loading...

Orta di Atella, 23 Dicembre –  La Scuola Federale di Pallavolo “Centro Volley Orta” ha donato, in occasione delle festività natalizie, un pallone ad ogni piccolo atleta del minivolley con l’iniziativa “Un Pallone per giocare”.

Un’azione che assume un importante significato se si considera la sospensione delle attività sportive indetta dalla Federazione Italiana di Pallavolo. Il settore maggiormente penalizzato, non a caso, è proprio il minivolley, fermo ormai da oltre un mese. La Scuola Federale di Pallavolo “Centro Volley Orta” ha cercato di mantenere viva l’attenzione e gli stimoli dei piccoli neofiti del mondo delle schiacciate, pubblicando, sui canali ufficiali, dei video-tutorial. Nelle guide online, è stata posta l’attenzione su esercizi ginnici e tecnici da fare a casa.

“E’ una stagione anomala che eravamo riusciti quasi a riportare in asse – ha affermato Antonio Orefice, presidente del ‘Centro Volley Orta’ -. Il minivolley ha dovuto affrontare l’interruzione di marzo e la ripresa stentata di questa nuova stagione agonistica. Inevitabili le conseguenze negative per tutto il sistema. Con questa idea, abbiamo cercato di tenere stabile il rapporto con i mini atleti. Più che un augurio, la nostra speranza è che il prossimo DPCM liberi l’attività sportiva e consenta a tutti di tornare in palestra”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.