Economia - Finanza

Sud, Confapi: 23mila cittadini abbandonano la Campania

Il presidente Marrone: fuggire è più semplice, al Sud mancano le idee di sviluppo

Napoli, 14 Luglio – «I dati Istat sul bilancio demografico per le regioni del sud e, in particolare, per la Campania sono assolutamente preoccupanti. E purtroppo per noi sono tutt’altro che imprevisti: il Mezzogiorno è diventato un luogo da cui fuggire, e non da oggi». Lo ha detto Raffaele Marrone, presidente Confapi Napoli.

«I giovani vanno via dal Meridione non solo perché non ci sono più occasioni di sviluppo ma anche perché sembra che siano venute meno le prospettive per la creazione di valore progettuale sul territorio. La classe dirigente sia locale sia nazionale, di fronte a una flessione di quasi 23mila cittadini che decidono di abbandonare la regione in un anno, non ha nulla da dire; e questo è un atteggiamento preoccupante. Un immobilismo che diventa quasi fatalismo. Ancor più grave se si pensa che molto spesso le Istituzioni hanno rinunciato a dialogare tra di loro, ognuno presa dalla cura del suo proprio “particolare”. Situazione onestamente insostenibile – ha aggiunto Marrone –. Sarebbe importante che gli Enti e gli uomini che li amministrano riuscissero a ritrovare la voglia di collaborare iniziando, seriamente, a programmare una serie di interventi che, nel giro di dieci anni, potrebbero offrire occasioni di crescita: penso al turismo, all’industria culturale, al terziario avanzato e al mercato della conoscenza che, da noi al Sud, ha grandi potenzialità non valorizzate».

«Andare via, che sia per approdare al nord o all’estero non ha importanza, è ormai la scelta più facile da fare. In questo modo, non solo si creano condizioni di particolare disequilibrio economico, nel nostro Paese, con un nord ricco e capace di attrarre le migliori risorse, e un sud – invece – destinato a sopravvivere tra enormi difficoltà e con il solo livello assistenziale dello Stato, finché ci sarà; ma si pongono le basi anche per un serio problema di ordine pubblico. Dove non c’è occupazione e sviluppo, infatti, allignano e prosperano le mafie.».


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa