Cronaca

Scisciano, cadavere di via Molino: il Gip di Nola convalida il fermo del 48enne rumeno indiziato dell’omicidio del connazionale

Scisciano, 18 Giugno – Il Gip dei Tribunale di Nola ha convalidato il fermo emesso dal PM del Tribunale di Nola, eseguito dai militari del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna e della Stazione di San Vitaliano nei confronti di Sitariu Florin, 48enne rumeno, gravemente indiziato dell’omicidio del connazionale 54enne, Georghe Paraschiv, rinvenuto cadavere nella campagne di Scisciano il 4 giugno scorso, occultato all’interno di sacchi di plastica e legato.
Le investigazioni hanno consentito di documentare, anche attraverso i numerosi filmati di videosorveglianza acquisiti nel corso delle indagini, che il Sitariu, dopo essere stato in un negozio di Nola insieme a Georghe Paraschiv, il 2 giugno si era recato in compagnia della vittima presso la propria abitazione a Scisciano alla guida di uno scooter a lui in uso.
Nelle prime ore del 3 giugno il fermato, dopo aver legato il cadavere e averlo riposto in una busta in plastica, si è disfatto della salma trasportandola a bordo dello scooter, abbandonandola su un terreno di via Molino a Scisciano, dove poi è stato ritrovato il cadavere. Le indagini proseguono per raccogliere ulteriori indizi che possano far piena luce sul caso.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.