Comuni

Saviano, XV Edizione della Rassegna Teatrale: “Avendo, potendo, pagando”. In scena la compagnia Teatrale “Omega”

loading...

Saviano, 18 Febbraio – Stagione teatrale; L’iniziativa culturale si deve al Comune di Saviano, Assessorato alla Cultura – Sport- Turismo – Teatro in collaborazione con l’Auditorium Teatro Saviano. Sul palcoscenico la proposta della compagnia, proveniente da Cercola.  Consenso ampio di pubblico manifestato per l’evento. Una commedia, inserita nell’ambito della Rassegna Festival Città di Saviano. La Rassegna è dedicata a Carmine Mensorio, un personaggio di rilievo, di origine savianese, della politica di alcuni anni fa.

In platea, la presenza dell’Assessore alla Cultura, Consigliere della città Metropolitana di Napoli, Francesco Iovino. Prima dello spettacolo vi è stato un momento di presentazione musicale da parte di Maria Luigia Esposito. La compagnia Teatrale in scena: il lavoro proposto è stato “Avendo, potendo, pagando” di Gaetano Di Maio e Nino Taranto per la regia e adattamento di Francesco Amoretto. L’opera portata in scena è un titolo tratto da un vecchio proverbio napoletano. Tre parole per dire di uno degli aspetti della filosofia popolare. E’ la storia di una famiglia: il protagonista, Michele Assante, questo il nome del personaggio, interpretato da Mario Borrelli, vive, sopravvive di accorgimenti.  

Michele Assante, in scena, è con la moglie Lucia e il fratello Nicolino. Quest’ultimo, personaggio d’ironia è comicità è interpretato da Marco Errico; ha una logica tutta sua al di fuori della realtà materiale e visibile; una mina vagante, mentalmente instabile! Un personaggio che è pur sempre vivo nella sua “personalissima” logica. Per una serie di casi, in quella casa ruotano una serie di altri personaggi: un’usuraia che vorrebbe la restituzione di un debito; l’amico Armando, interpretato da Stefano Gallo con la gelosa, più che sospettosa moglie, ruolo affidato a Rasaria Gabellone, e altri. Interessante lo zio Ottavio, ruolo affidato a Marco Vittozzi, che viene da lontano per dare il suo supporto alla famiglia; lodevole intenzione per un cambiamento epocale, ma che, in una situazione d’ironia e comicità, riesce del tutto sconveniente. L’autore nel 1962, in seguito al suo incontro con Nino Taranto, scrisse la commedia in oggetto.

La trama, in un’estrema sintesi: massima esaltazione comica quando il protagonista intuisce la prospettiva di incassare una pensione d’invalidità mentale in antitesi al principio fondamentale della persona umana.  In famiglia, quasi una norma regolatrice, punto nevralgico della situazione, le condizioni economiche non sono idilliache poiché tendono a una graduale miseria; l’abbaglio di una pensione d’invalidità per infermità mentale è un pensiero dominante sì palese alla chiusura del primo atto. Quando il protagonista tenta un suicidio facendosi investire da un pullman rimanendone solo veramente turbato, la storia narrata giunge al culmine; è l’occasione!  Fingere una falsa patologia mentale; disfunzione che, il protagonista della vicenda, manifesta, ovviamente, solo alla presenza di estranei fingendo di far muovere due barchette di carta! Tutti i conoscenti corrono per manifestare la relativa solidarietà! In tal procedimento ha modo di scoprire delle scomode realtà! Il regista – Attore, Francesco Amoretto interpreta Totonno Barbieri, personaggio, affetto da una particolare patologia! vuol esser d’aiuto senza particolari effetti, con dei particolari stratagemmi, complice il fratello di Michele Assante, Nicolino. L’autista del pullman in questione entra in scena per contestare le sue responsabilità! Rischia il posto di lavoro.

Tra altro sicuramente ci potranno essere ripercussioni economiche sulla sua famiglia; ha cinque figli. Il protagonista Michele, in un tumulto di emozioni, animato da nuova energia, rimasto solo in scena con la moglie, dopo blande esitazioni capisce che la via illecita per sopravvivere non è opportuna, la sua coscienza, nel suo ritmo ipnotico, non può ammettere una situazione simile.  Il suo intento, in queste ultima fase scenica, è ristabilire un ordine morale! un meccanismo a orologeria che è di fatto giunto al termine! Nell’abbraccio fraterno del protagonista con Nicolino è palpabile uno sguardo profondo ed espressivo fra i due, una ritrovata intesa, una luce nel buio che annulla il “divario culturale”.

Il finale, vero e proprio, come da adattamento di regia, è travolgente; un inno al gioco del lotto; sulla vicenda del protagonista molti, tutti o quasi giocano dei numeri; incredibilmente sono estratti! tutti i personaggi si arricchiscono e mostrano la loro viva gratitudine per Michele Assante; da una triste, nefasta, vicenda umana ne esce un’incredibile conclusione ottimale tale da determinare una svolta con cifre, in danaro, notevolissime. Il quadro completo degli attori è sì composto: Mario Borrelli, Anna Alboreto, Anita Cristiano, Marco Errico, Stefano Gallo, Rosaria Gabellone, Mary Catapano, Fortuna Manferlotti, Christian Maglione, Marco Todisco, Marco Vittozzi, Liana Riccio, Paola Bagnoli, Francesco Amoretto e infine Luigi Sigillo.

Antonio Romano

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.