Comuni

Saviano, Arte in primo piano: la mostra “La luna e le altre” di Carmine Ciccone

Saviano, 2 Gennaio  – Un’esplosione e scomposizioni di diversi sottosistemi d’illustrazioni; la luna che compare in ogni quadro e la straordinaria bellezza femminile che, cambiandosi in quell’universo di colori, diviene un tutt’uno. Nell’archivio storico palazzo Allocca, ha avuto luogo il vernissage di Carmine Ciccone; su dei pannelli di supporto le illustrazioni, ottenute con tecniche computeristiche assemblate dell’artista. Il titolo dell’evento, ovviamente: “La luna e le altre”.  L’iniziativa si deve al Comune di Saviano, la Proloco, “ IL Campanile “ e UNPLI.  La mostra resterà aperta fino al prossimo al 6 gennaio 2020, per consentire un’altra partecipazione di pubblico, in questo periodo di feste che caratterizzano l’inizio del nuovo anno; un evento che riguarda  appassionati d’arte e nono solo.

Due quadri si differenziano dagli altri per un supporto luminoso posto sulla superficie interna; altri due per le caratteristiche diverse; sono disegni senza colore, solo tratti di matita e superfici scure marcate. Quest’ultime, lo stesso rappresentano il tema dell’incontro culturale; la luna. Sono opere di altro artista, Saverio Caliendo; per lui, nelle intenzioni, si sta progettando di realizzare  una mostra delle sue opere.  Un fascino misterioso che non poteva non esser trattato; un manifesto illustrativo dell’evento artistico, a firma di Carlo De Martino, nella sua parte introduttiva cosi riporta: “ Nella nobile lingua tedesca la luna è un termine maschile. Die mond ( il luna) mentre il sole è femminile. Come in francese la mer sta ad indicare un sostantivo femminile. È curioso che in quella che è stata la patria del romanticismo, la luna s’identifichi con un concetto virile, mentre quasi ogni luogo del mondo essa è per antonomasia l’emblema della femminilità.  L’arte tutta, ha celebrato questa simbiosi tra donna e luna.  Sia quando essa era simbolicamente emanata, sia quando la luna è stata scelta come metafora dell’universo femminile. Ecco, mi pare che l’universo e la luna siano i due poli di questo tentativo di aggiungere qualcosa al mito femminile della luna. Perché se l’universo è sì metafora di un tutto sconfinato e sconosciuto.”.  Nel giorno dell’inaugurazione vi è stata la recitazione, con l’ausilio di un leggio, di brani e poesie da parte di Gennaro Caliendo, attore di un noto gruppo teatrale, e l’esibizione “Live Music” di Ivan Ponticiello. Gennaro Caliendo nella sua declamazione, non sono mancati dei versi composti da lui stesso, ha citato brani poetici di diversi autori: Mark Twain, Salvatore Allocca, una rivisitazione, in lingua napoletana, della celebre poesia “Infinito” di Giacomo Leopardi e infine dei versi di Gabriele D’Annunzio nei quali la luna è definita “falce calante”. Come si nota, è storia nota, che la luna è stata fonte d’ispirazione, di poeti e scrittori.

Come si sa Il primo viaggio, la conquista  verso la Luna, il satellite del pianeta Terra, prima di esser una conquista dal punto di vista scientifico- astronomico, è stato un ampio  tema della fantascienza: tra le opere che lo narrano, valga come esempio,  vi sono:   “Dalla Terra alla luna” e il seguito del racconto datato 1870 di  Jules Verne; in tale contesto non poteva non esserci il celebre fotogramma del film Viaggio nella luna    (Le voyage dans la Lune, 1902) di   Georges Méliès. Tale immagine è stata riprodotta su di un  pannello espositivo e posta al centro dell’attenzione: rappresenta un missile che colpisce la luna in un occhio! La fantasia popolare, in questo caso, ha voluto che la luna fosse un essere vivente con tanto di occhi e viso completo, oltre che fonte d’ispirazione di narratori e  poeti. All’ingresso fa bella mostra un manichino; forse un astronauta o solo qualcosa di simbolico tipo un abitante dello spazio; e immancabilmente il nostro satellite riportato come sua natura; tutto pieno di crateri secondo  l’ambiente tipico della superficie lunare. La scritta “Moon”, la parola luna scritta in inglese,  completa l’opera d’arte.

Egidio Osti

 


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa