Comuni

San Gennarello, in parrocchia le lacrime della Madonna di Siracusa

loading...

San Gennarello, 3 Dicembre –  Le Lacrime della Madonna di Siracusa. Lunedì alle ore 20.30 la parrocchia di San Gennarello di Ottaviano accoglierà la Reliquia con le Lacrime della Madonna di Siracusa. Madonna delle Lacrime è l’appellativo con cui i cattolici venerano Maria, in seguito a un evento verificatosi a Siracusa nel 1953, dal 29 agosto al 1º settembre: da un’effigie mariana in gesso smaltato sarebbero scaturite lacrime, risultate in seguito di tipo umano.

ll reliquiario contiene la viva ed inconfutabile testimonianza dell’evento: le lacrime di Maria. L’8 maggio 1954, il reliquiario fu sigillato e fu firmata la pergamena che ne attesta l’autenticità. L’urna di solito è esposta nella cripta all’interno di una teca, alla venerazione dei fedeli che giungono in Santuario la domenica e nei giorni festivi.

Su richiesta raggiunge altre comunità ecclesiali dell’Italia e dell’estero;è sempre accompagnato da una equipe di laici guidati da un sacerdote del santuario; la presenza delle lacrime di Maria in una città o in una diocesi è sempre occasione di riflessione, di conversione, ma soprattutto di grazia. A seguire alle ore 21 ci sarà la preghiera con il Santo Rosario.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.