Comuni

Salerno, Covid: cassonetti rovesciati e petardi nella notte

loading...

Salerno, 26 Ottobre – Momenti di tensione la notte scorsa durante un corteo a Salerno quando una cinquantina dei manifestanti che avevano sfilato contro il Dpcm e l’ultimo provvedimento del governatore della Campania, De Luca, hanno iniziato a dirigersi nei pressi della casa di quest’ultimo esplodendo petardi e gettando alcuni cassonetti a terra. I manifestanti, però, di fronte alla barriera posta dalle forze dell’ordine presenti con agenti in assetto antisommossa e blindati, si sono dileguati.

Precedentemente, alcune centinaia di persone si erano riversate in Piazza Amendola. “Oltre alla conta dei morti giornalieri – ha spiegato un commerciante dall’altoparlante – devono illustrare anche il bollettino dei disoccupati giornalieri”. Mentre il corteo sfilava per le strade del centro cittadino, urlando a gran voce le ragioni della protesta, un gruppo ha anche bloccato il traffico veicolare in via Roma sedendosi in strada. La gran parte dei manifestanti ha sfilato però senza provocare incidenti.

Una persona è stata identificata e portata in Questura per manifestazione non autorizzata e lancio di oggetti pericolosi. Le forze dell’ordine visioneranno le immagini della videosorveglianza per verificare tutto l’andamento della manifestazione.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.