Comuni

Rogo nei pressi della strada Provinciale Trentola-Ischitella, fumo nero investe l’intero comprensorio

Verdi:”Continuano questi fenomeni criminali che avvelenano ambiente e popolazione. Abbiamo chiesto all’Arpac di misurare gli effetti di questo scempio”

 

Trentola-Ischitella, 28 Luglio – “Nella pomeriggio di sabato 27 luglio, nei pressi della strada Provinciale Trentola-Ischitella, all’altezza dell’incrocio con la strada Provinciale Santa Maria a Cubito, si è verificato un nuovo rogo, con una densa coltre di fumo nero che ha investito l’intero comprensorio. Si tratta dell’ennesimo episodio di questo tipo che ci troviamo a denunciare. Il fenomeno delinquenziale dei roghi continua ad avvelenare ambiente e popolazione. In questo caso anche i tanti bagnanti che usano la strada per raggiungere il litorale sono stati costretti a respirare il fumo generato dalla combustione. Un vero e proprio attentato alla salute pubblica”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il consigliere comunale del Sole che Ride a Giugliano in Campania Giuseppe D’Alterio. “Abbiamo inviato una nota all’Arpac chiedendo di misurare i livelli di inquinamento dell’etere nella zona in seguito al rogo di ieri.

Uno screening necessario per avere una percezione chiara di come questo scempio ha impattato sull’area”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa