Comuni

Rogo nei pressi della strada Provinciale Trentola-Ischitella, fumo nero investe l’intero comprensorio

loading...

Verdi:”Continuano questi fenomeni criminali che avvelenano ambiente e popolazione. Abbiamo chiesto all’Arpac di misurare gli effetti di questo scempio”

 

Trentola-Ischitella, 28 Luglio – “Nella pomeriggio di sabato 27 luglio, nei pressi della strada Provinciale Trentola-Ischitella, all’altezza dell’incrocio con la strada Provinciale Santa Maria a Cubito, si è verificato un nuovo rogo, con una densa coltre di fumo nero che ha investito l’intero comprensorio. Si tratta dell’ennesimo episodio di questo tipo che ci troviamo a denunciare. Il fenomeno delinquenziale dei roghi continua ad avvelenare ambiente e popolazione. In questo caso anche i tanti bagnanti che usano la strada per raggiungere il litorale sono stati costretti a respirare il fumo generato dalla combustione. Un vero e proprio attentato alla salute pubblica”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il consigliere comunale del Sole che Ride a Giugliano in Campania Giuseppe D’Alterio. “Abbiamo inviato una nota all’Arpac chiedendo di misurare i livelli di inquinamento dell’etere nella zona in seguito al rogo di ieri.

Uno screening necessario per avere una percezione chiara di come questo scempio ha impattato sull’area”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.