Politica

PSR 2014-2020, Verdi: “La Campania punti di più sulla misura dell’innovazione in Agricoltura (16.1). Servono più risorse e l’accelerazione della spesa”

Napoli, 1 Luglio – “La Campania ha destinato solo l’1,1 percento delle risorse del PSR 2014-2020 alla misura 16.1, a differenza di Emilia Romagna (4,2 percento) e Marche e Molise (circa 2 percento), che si troverebbe anche in media con l’1 percento del dato nazionale, se non considerassimo però la sottomisura 16.2 mai attivata. La somma delle misure 16.1 e 16.2 infatti porta la media nazionale all’1,6 percento. In termini economici alla misura sull’innovazione è stato assegnato in Regione un budget di oltre 10 milioni di euro, inferiore se rapportato al dato medio nazionale”.

Lo affermano il portavoce dei Verdi in Campania Vincenzo Peretti ed il consigliere regionale del Sole che Ride Francesco Emilio Borrelli, per i quali sembra che la Campania non voglia dar peso all’innovazione in Agricoltura, necessaria per il miglioramento della produttività e la sostenibilità dell’intero settore. “Dobbiamo inoltre evitare – proseguono Peretti e Borrelli – che la già insufficiente cifra stanziata venga addirittura ridotta, con il trasferimento di fondi dalla 16.1 ad altre misure ritenute più popolari ed oggetto di attenzione politica. Al fine di evitare ciò proponiamo, oltre all’aumento del finanziamento destinato alla misura, lo scorrimento delle attuali graduatorie che vedono finanziabili, sui progetti già presentati, solo 1 su 4, al fine di evitare, come successo nella scorsa programmazione, il disimpegno delle risorse ed la restituzione di soldi in Europa”.



Scisciano Notizie crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, Scisciano Notizie correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online e Scisciano Notizie ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected]

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa