Comuni

Pomigliano d’Arco, La violenza sui social: due ragazzi mostrano coltelli e parlano di far piovere sangue in una diretta

Pomigliano d’Arco, 7 Aprile – Diventa sempre più frequente l’utilizzo scorretto dei social media da parte dei giovani che spesso si ritrovano a condividere in rete immagini delle loro azioni scellerate o vandaliche.

L’ennesimo caso riguarda due ragazzi, che risulterebbero abitare a Pomigliano D’Arco, che, in una diretta Instagram a due, il cui video è stato segnalato da un cittadino al Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, mostrano una serie di coltelli a serramanico mentre uno dei due pronuncia le seguenti parole: “A Grumo Nevano faccio piovere sangue.”

“L’idiozia da social si diffonde più velocemente del Coronavirus ed allora si deve fare in modo di fermare questa sorta di epidemia e lo si può fare con un’opera di educazione dei più giovani, con un intervento drastico dei servizi sociali, e con maggiori controlli da parte delle piattaforme social che devono rimuove questo tipo di contenuti che inneggiano alla violenza. Abbiamo provveduto a segnalare la vicenda anche al comandante della polizia municipale di Pomigliano Luigi Maiello in modo che i due ragazzi vengano identificati e denunciati, la pena dovrà essere molto severa in modo che possa servire d’esempio anche agli altri.”- hanno dichiarato il Consigliere Borrelli ed il conduttore radiofonico del programma “La Radiazza” Gianni Simioli.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa