Cronaca

Pollena Trocchia, Incendio in parco auto: due arresti

Ventenni versarono benzina e incendiarono mezzi, ai domiciliari.

 

Pollena Trocchia, 19 Giugno –  Sono stati individuati e posti agli arresti domiciliari, con l’accusa di incendio doloso in concorso, due giovani ritenuti responsabili di aver appiccato il fuoco in un parco auto di una concessionaria a Pollena Trocchia (Napoli) lo scorso 4 aprile. I due, di 23 e 20 anni, sono stati individuati grazie alle telecamere di video sorveglianza pubbliche e private, e ad intercettazioni ambientali e telefoniche che hanno consentito agli inquirenti di risalire alla vettura ed ai presunti colpevoli dell’incendio appiccato presso la concessionaria in via Garibaldi.

I giovani avevano versato una tanica di benzina nel piazzale del parco auto, dando fuoco al liquido, e le fiamme avevano poi danneggiato quattro vetture ed un telone di copertura. Grazie alla videosorveglianza gli inquirenti hanno individuato la vettura in uso ai due, il distributore di benzina dove i giovani avevano reperito il liquido infiammabile, ed il percorso effettuato per raggiungere la concessionaria. Ieri i carabinieri hanno notificato al 20enne ed al 23enne la misura cautelare di arresti domiciliari richiesta dalla Procura della Repubblica di Nola ed emessa dal Gip dello stesso Tribunale.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.