Comuni

Pizzeria nel carcere di Poggioreale, progetto per inserire i detenuti nel mondo del lavoro

Napoli, 14 Luglio – Durante la giornata del 14 luglio è stata inaugurata nel carcere di Poggioreale la pizzeria ‘Brigata Caterina’ grazie ad un’iniziativa nata dalla collaborazione tra il Ministero della Giustizia, il Dap e la Diocesi di Napoli.

“Si tratta di un progetto, in fase di sperimentazione, che prevede un laboratorio artigianale di pizzeria e una friggitoria all’interno del carcere, il cui scopo sarà quello dia avviare al lavoro alcuni detenuti dopo un’adeguata formazione professionale.  È stata prevista anche la realizzazione di una pizzeria esterna al carcere, al Centro Storico della città.

È un progetto molto importante, la rieducazione e la riabilitazione dei detenuti passa attraverso l’impegno sociale ed il lavoro, senza di essi è molto facile ricadere nell’illegalità e nel sistema criminale. Bisogna dare a tutti quelli che meritano e dimostrano di volersi riabilitare una seconda opportunità ed i mezzi appropriati per poter affrontare la vita in una maniera diversa, che passa per il rispetto delle leggi, il lavoro e l’impegno sul territorio. Ci auguriamo che questo progetto abbia successo e possa da aprire la strada a molti altri.”– sono state le parole del Consigliere Regionale dei Verdi-Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa